03 maggio 2010

AMBASCIATOR NON PORTA PENA


Mi riferisco all’origine della ricetta che vi vado a presentare: le seppie in zimino.
L’altra sera ho replicato questo piatto unico che amo servire proprio in questo periodo dell’anno ma del quale non sono ancora riuscita a capirne l’esatta provenienza.
In base alle fonti che ho consultato (riviste, libri, internet, conoscenti ecc...) sono state accreditate diverse versioni: c’è chi sostiene sia una pietanza ligure, chi sarda, chi toscana o anche siciliana.
In conclusione sono riuscita a scoprire che le seppie in zimino devono questo nome al termine
di origine araba, zimino appunto, il cui significato è ‘in pezzi’ ovvero il taglio dato alle seppie, che dopo essere state pulite vengono cotte in tocchetti e successivamente accompagnate a bietole.
Ma la mia lunga ricerca non è finita qui. Anche in merito all’accompagnamento ho trovato diverse versioni: chi unisce solo le bietole, chi aggiunge anche del pomodoro, chi mette o meno i funghi ecc.
Ho seguito le indicazioni riportate dal maggior numero di fonti ed ho optato per un piatto semplice, senza pomodoro ma comunque molto gustoso.
Un piatto ‘misterioso’ ma assolutamente saporito e di qualità. Ancora un piccolo consiglio: servite questa pietanza come piatto unico, e magari accompagnate il tutto con ottime fette di pane casereccio abbrustolite.


SEPPIE IN ZIMINO
(Ingredienti per 4 persone)

800 grammi di seppie pulite
180 grammi di funghi misti
500 grammi di bietole
una cipolla
2 spicchi d’aglio
un bicchiere di vino bianco secco
4 cucchiai di prezzemolo fresco tritato
½ tazza di brodo vegetale
olio extravergine di oliva q.b.
sale e pepe q.b.

Passate le seppie sotto acqua fredda corrente, poi tagliatene a pezzi sia le sacche che i tentacoli.

Sbucciate gli spicchi d’aglio, e tagliateli a pezzettini, eliminando l’eventuale ed indigesta ‘anima’ verde. Fate lo stesso con la cipolla e mettete a scaldare 4 cucchiai di olio extravergine di oliva in un tegame. Quando l’olio sarà caldo fatevi rosolare il trito d’aglio e cipolla, poi unitevi le seppie e irrorate con il bicchiere di vino a temperatura ambiente. Fate cuocere a tegame scoperto per 10 minuti.

Mentre si cuociono le seppie, lavate le bietole e scottatele in abbondante acqua bollente per 2 minuti; scolatele e tenete da parte.

Lavate e pulite i funghi: in questo caso ho utilizzato dei funghi freschi misti, ma se non li avete a disposizione (o se volete velocizzare la preparazione) usate pure quelli surgelati ma che siano di buona qualità.

Una volta che avrete pulito i funghi uniteli alle seppie e cuocete il tutto ancora per 15 minuti. Aggiungete di tanto in tanto del brodo vegetale caldo in modo da far sì che la preparazione non si asciughi troppo.

Quando le seppie saranno cotte spolverizzate con del prezzemolo fresco e aggiungete anche le bietole precedentemente cotte. Mescolate per bene il tutto, regolate di sale e di pepe e lasciate andare ancora per un paio di minuti: poi servite ben caldo.

5 commenti:

accantoalcamino ha detto...

Questo piatto l'avevo visto da Nonna Sole che è mia amica e vicina di casa...non per niente siete 2 "super" ;-)

Ely ha detto...

come al solito il tuo post è ricco di informazioni e notizie che non conoscevo come questa ricetta particolare e buona nonostante sia in multiproprietà :-)))) baci Ely

NADIA ha detto...

@ accantoalcamino: ti ringrazio...ma a dire il vero, ciò che è super è questo piatto della tradizione!

@ Ely: credo sia importante cercare di conoscere anche le origini dei piatti che consumiamo; è bene avere un approccio più consapevole verso la cucina regionale...anche se in multiproprietà :)

Solema ha detto...

Sono buonissime e la versione con i funghi non l'ho mai provata. Mi attira molto, anche perchè è una ricetta che mi piace moltissimo.
Per non perderti ti metto sul mio blogroll, visto che non hai i sostenitori.

NADIA ha detto...

@ Solema: sono felice che ti sia piaciuta anche in questa versione! Inoltre ti ringrazio per aver scelto di inserirmi nel tuo blogroll, ma in merito al discorso dei sostenitori preciso solo che avevo preferito non inserire il gadget, ma dato che siete in molti a richiedermelo..ecco fatto!
Grazie ancora e a presto!

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001