08 luglio 2008

FUSION!

Immagino che molti potranno rimanere interdetti di fronte al piatto che oggi vi vado a presentare ma si tratta di una preparazione semplicemente meravigliosa che a me è piaciuta moltissimo e che intendo replicare quanto prima.
Il connubio tra carote e pesche regala una nota fresca e agrodolce ideale per essere gustata nel periodo estivo e l’aggiunta dei pinoli e dei semi di papavero tostati arricchiscono questa pietanza con profumi avvolgenti che ben si legano ai sentori fruttati delle pesche.

SAUTE’ DI CAROTE ALLE PESCHE
(Ingredienti per 4 persone)

10 carote piccole
2 pesche
5 cucchiai di pinoli
2 cucchiai di semi di papavero
3 cucchiai di olio extravergine di oliva
2 cucchiai di burro
sale q.b.
noce moscata q.b.


Pulite accuratamente le carote e tagliatele a rondelle o a losanghe; lavate le pesche e riducetele in pezzi senza privarle della buccia.

In un tegame versate 3 cucchiai di olio extravergine di oliva e aggiungete anche il burro e fate scaldare il tutto a fuoco medio; a questo punto unite le carote e le pesche, coprite e fate cuocere per 8/10 minuti.

In una padella a parte fate tostare i pinoli e i semi di papavero per qualche minuto a fuoco alto, finché non risulteranno dorati; toglieteli da fuoco, fateli freddare e poi passateli al mortaio in modo da ottenere una granella omogenea (in questo modo uscirà anche il profumatissimo olio dei pinoli che donerà alla preparazione quel tocco in più).

Quando le carote saranno diventate tenere regolate di sale e unite una bella spolverata di noce moscata; incorporate anche il “pesto” di pinoli, mescolate il tutto e servite.

12 commenti:

Sere ha detto...

Che abbinamento particolare, pesche e carote!!! Davvero brava

Carla ha detto...

Ciao Nadia! Ma che brava che sei, pesche e carote? da provare e poi con i pinoli e i semini di papavero tostato, devono essere gustosissimi! e facile da fare!
Un bacio
Carla

NADIA ha detto...

@ sere: è molto particolare, ma è anche estremamente equilibrato e crea un'ottima armonia agrodolce che a me è piaciuta tantissimo! :)

@ carla: facile e soprattutto veloce! (dato il caldo di questo periodo non è proprio il caso di stare ai fornelli per ore, quindi 2 piccioni con una fava! :))

Camomilla ha detto...

Io non sono rimasta affatto interdetta... Tra pesche e carote è un ottimo connubio non solo dal punto di vista del sapore, ma anche del colore! Credi che i semi di sesamo ci starebbero bene?
Bacioni

NADIA ha detto...

@ Camomilla: eccome, anzi, forse ci stanno anche meglio! Ottima idea!

Dolcetto ha detto...

Mi piace questa originale idea! Me la segno subito, grazie!

Magnolia Wedding Planner ha detto...

Buongiorno Nadia, bellissimo abbinamento davvero! mi piacerebbe molto provarlo quindi me lo segno subito.
Oltretutto ha un colore meraviglioso! meglio di così no?
buon pomeriggio
Silvia

Claud ha detto...

Che mix di profumi... noce moscata (l'adoro), le carote, le pesche e pi pinoli... e pensare che io le pesche le usavo solo per il tè freddo!

Trovi davvero abbinamenti sorprendenti!
(e hai uno spiccatissimo talento per l'uso del colore!)

NADIA ha detto...

@ dolcetto e magnolia: mi fa piacere che troviate interessante questa fresca preparazione; vi consiglio di utilizzarla in abbinamento a qualcosa di semplice, come un bel pesce alla griglia condito con solo olio e limone o come "rinforzo" ad una bella insalatona!

NADIA ha detto...

@ claud: ma grazie per il bel complimento (ora arrossisco, così rimango in tema con le carote e le pesche!:))
E anche io adoro le noci moscate, hanno quel profumo indescrivibile che sta bene con tutto...anche con le pesche!

Alex e Mari ha detto...

Io sono sempre per il fusion! Un'idea davvero sfiziosa, ottima per queste giornate estive. Sono ingredienti che ho quasi sempre in casa in questo periodo quindi proverò certamente.
Ciao. Alex

VANESSA ha detto...

molto fusion questa ricetta e penso anche piuttosto dolce! per chi ama il pesce e i sapori delicati è l'ideale :-)

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001